In Scena-News
Annunci

Domenica speciale a Paestum con la partenza del tour del camper

Paestum in tourNella domenica dell’11 agosto si registra la partenza del tour del camper marchiato Parco Archeologico di Paestum e Comune di Capaccio Paestum che, a partire da oggi, toccherà le maggiori cittadine della provincia di Salerno e le più frequentate località balneari del Cilento con l’intento di promuovere il museo e l’area archeologica di Paestum e, più in generale, il ricco patrimonio culturale e paesaggistico del Comune di Capaccio. L’iniziativa rende operativa l’intesa tra il Parco e il Comune che, a poche settimane dalla firma del protocollo che ha formalizzato questa collaborazione, vede i due enti fianco a fianco nella promozione del territorio per intercettare e incrementare i flussi turistici nell’estate 2019. «Grande soddisfazione – commenta il sindaco di Capaccio Paestum, Franco Alfieri – per l’avvio, già per questa stagione estiva, di un’iniziativa che rende concreta la sinergia con il Parco Archeologico, segno di un’intesa istituzionale che porterà presto a nuove e ambiziose progettualità». Il viaggio del camper racconterà la storia millenaria della città di Poseidonia e delle attività a cui i turisti potranno partecipare ogni giorno: visite tematiche, laboratori, escursioni di trekking, aperitivi, visite serali, approfondimenti sulle costellazioni e sul mito e molto altro ancora. «Nei primi quattro anni di gestione autonoma sono state messe in campo numerose strategie promozionali per il Parco Archeologico di Paestum – dichiara il direttore Gabriel Zuchtriegel – tanto da registrare un incremento notevole del numero di visitatori rispetto al quadriennio precedente. Adesso vogliamo fare di più, anche grazie alla collaborazione con il Comune di Capaccio Paestum. La nostra idea è quella di oltrepassare il confine dell’antica cinta muraria e andare a conoscere personalmente il nostro pubblico per parlare vis a vis con loro e intrecciare relazioni più dirette e profonde. Vogliamo spiegare l’unicità di Paestum e del suo territorio con il vecchio metodo del colloquio verbale e del confronto, certi che faremo scoprire che un altro mondo è possibile, quello del passato che irrompe nella contemporaneità» Per favorire il successo dell’iniziativa e per invogliare ulteriormente alla visita del Parco, è stata ideata una brochure “Estate a Paestum”, con incluso un voucher 2×1 ovvero il diritto a ricevere un biglietto gratuito con l’acquisto di un biglietto di ingresso ordinario. Dietro questa promozione si celano gli obiettivi di accessibilità culturale ed economica nonché di inclusione che il Parco persegue da diverso tempo e mette in campo grazie a diverse azioni coerenti ad una più ampia progettualità. Per conoscere le tappe del tour, visita il nuovo sito web del Parco www.paestum.museum.

comunicato stampa

Annunci

Le stelle della “scuderia” Desiderio in giro per il mondo come professionisti apprezzati e non talenti in fuga

FormentoSe frequentemente le cronache registrano fughe di illustri figli italiani, alla ricerca di affermazione professionale in terre straniere, per quanto concerne il circuito manageriale di Antonio Desiderio così non è. I pezzi da novanta vantati dalla “scuderia” del patron romano, infatti, sono sempre più spesso protagonisti all’estero nelle occasioni d’élite, a partire proprio da Desiderio stesso, professionista pluripremiato e richiestissimo anche come membro di giuria. In questo mese di agosto, diverse le trasferte che lo riguarderanno: la prima in Cina, dove dal 4 al 6 sarà tra i giudici del concorso Global International Dance Competition, manifestazione da svolgersi presso il Grand Theatre di Wenzhou. Pochi giorni di riposo e poi Antonio Desiderio di nuovo in viaggio, volerà in Florida, chiamato a presenziare, come consuetudine, all’International Ballet Festival of Miami, in programma dal 16 al 18. Nell’edizione 2019 presenterà al pubblico americano due importanti danzatori: a Miami si esibiranno Adras Ronai, star del Teatro dell’Opera di Budapest ed un talento indiscusso che ben valorizza in tutto il mondo la fama del “tricolore”, ovvero l’italiana Rosa Pierro, giovanissima ballerina accasatasi da poco tempo al Teatro dell’Opera di Varsavia, ove ha già riscosso enormi consensi, confermandosi orgoglio della propria Nazione. A proposito dell’Italia, pure qui il manager degli artisti ha in calendario appuntamenti di spicco: a fine mese, esattamente il 24 e 25 agosto, sarà al Premio Capri Danza. Un ritorno, il suo, nella kermesse campana la cui direzione artistica è affidata a Luigi Ferrone e per la quale il professionista capitolino ha pianificato il celebre pas de deux del Don Chisciotte, tratto dall’omonima produzione. A portarlo in palcoscenico due grandi stelle del balletto: Elisabetta Formento (nella foto) e Young Gyu Choi dell’Het National Ballet di Amsterdam, ai quali verrà inoltre conferito il Premio 2019.

A Taranto con Miss Progress International 2019 si parlerà anche dei pericoli del web

italy - cristina - ph. antonio zanataRitornano i dieci giorni all’insegna dell’integrazione culturale: ancora una volta il tacco d’Italia sarà protagonista, insieme alle Ambasciatrici del Progresso, dell’unico evento al mondo dedicato all’Ambiente, alla Salute e ai Diritti Umani. La settima edizione di Miss Progress International-Donne per il Progresso, inizierà il 27 settembre, con l’arrivo da ogni parte del mondo delle concorrenti che intendono dare il loro contributo per rendere il nostro pianeta un posto migliore. Ogni concorrente, infatti, porterà con sé un progetto dedicato ai temi su cui l’evento si snoda e la giuria ne valuterà i contenuti e la fattibilità, decretando come vincitrice l’autrice di quello migliore. L’associazione culturale In Progress di Carosino, ideatrice di questo format innovativo e unico al mondo, ha approntato un programma di attività che consentirà alle concorrenti ed ai loro accompagnatori di vivere una vera e propria esperienza multisensoriale tra mare, ulivi, vigneti e monumenti della meravigliosa Puglia.  “The Web is NOT your friend” è il titolo del progetto di Cristina Pastano (nella foto), la giovane grottagliese cui è stato assegnato il tema Salute per rappresentare l’Italia. Il testo è indirizzato agli adolescenti, che negli ultimi anni sono diventati i veri protagonisti del web, soprattutto per le nuove sfide online, definite dai media come i “giochi dell’orrore”. Molte di queste challenge influenzano in modo negativo i ragazzi, portandoli inconsapevolmente a mettere a rischio la propria vita, con tragiche conseguenze. «Il problema non è Internet, – dice Cristina – ma l’approccio sbagliato che gli adolescenti hanno con il web. Ai ragazzi voglio comunicare nel modo più efficace quante e quali insidie si nascondano in rete». Cristina, supportata dagli organizzatori dell’evento, si avvarrà della consulenza di psicologi specializzati in tematiche legate all’età adolescenziale. Lo scopo è quello di portare un chiaro messaggio ai ragazzi delle scuole medie parlando “il linguaggio dei più giovani” durante incontri-dibattito a loro dedicati per i quali chiederà il sostegno dei provveditorati agli studi e dei dirigenti scolastici regionali.

scritto da comunicato stampa

Bufala della Piana del Sele, un patrimonio da salvaguardare

ALLEVAMENTO BUFALELa bufala della Piana del Sele ed i prodotti derivanti dalla lavorazione del suo latte sono un patrimonio storico, occupazionale ed economico, che coinvolge migliaia di famiglie ogni giorno. Un patrimonio di Eboli e della Piana del Sele, protagonista al tavolo tecnico per il miglioramento della salute e per la salvaguardia del patrimonio della bufala mediterranea nel comparto agroalimentare e zootecnico della Campania, ruolo sostenuto nel corso dell’incontro presso il Ministero della Salute dall’Amministrazione comunale di Eboli, rappresentata dall’assessore alle attività produttive, Giovanna Albano. Con l’amministratrice ebolitana anche il responsabile del servizio veterinario della Asl Salerno, Luigi Morena. «Abbiamo sostenuto le attività aziendali dell’intero comparto – ricorda il sindaco, Massimo Cariello -. Per conto dell’Amministrazione comunale, l’assessore Albano, affiancata dal responsabile del servizio veterinario, Luigi Morena, che ringrazio per il sostegno e la partecipazione, ha ribadito il ruolo decisivo del territorio ebolitano per l’intero settore, ospitando migliaia di capi bufalini in diversi allevamenti, con una produzione di latte e di prodotti derivati che occupa moltissime di persone e coinvolge aziende e famiglie. Abbiamo anche sostenuto la necessità che in casi di emergenza legati a patologie dei capi si intervenga celermente sui singoli allevamenti, non pregiudicando la maggior parte del settore che invece si muove in condizioni di sicurezza e di produzione controllata, garantendo economia, occupazione e benessere». Pur con grande attenzione per la sicurezza dei consumatori, l’Amministrazione comunale ha sottolineato l’esigenza di tutelare operatori e lavoratori del comparto. «Come Amministrazione siamo vicini al settore di allevatoriale e produttivo – spiega l’assessore Giovanna Albano -, dichiarando piena disponibilità nel mettere in campo strategie condivise con la Regione Campania, augurandoci che grazie a questo tavolo tecnico si possano trovare soluzioni di miglioramento e tutela di un patrimonio prezioso per il nostro territorio come la bufala mediterranea».

scritto da comunicato stampa

A Peccioli danzano étoiles mondiali

PeccioliSpettacoli, formazione, premi da far girare la testa: a Peccioli in danza il cocktail artistico d’eccellenza è servito. Dal 1 al 7 luglio 2019, in provincia di Pisa, Kristian Cellini, art director della kermesse in oggetto, s’è indirizzato verso ingredienti di alta qualità al fine di soddisfare gli appassionati della danza. Il primo giorno dell’evento cade con l’apertura del Festival 11Lune, la cui sezione danza vede proprio Cellini quale direttore artistico. L’inaugurazione da manuale, che si avvale della collaborazione di Antonio Desiderio artist management, alle ore 21:30 nell’anfiteatro Fonte Mazzola, aprirà il sipario sul gala “Stelle Danzanti” – madrina della serata Lorella Cuccarini – partecipazione straordinaria di Aaainjaa. All’appuntamento del 1° luglio, accessibile ad ingresso libero, ammireremo tante star internazionali, nomi blasonati, come Guillaume Côté; l’étoile e la moglie, Heather Ogden, eseguiranno persino una creazione in prima mondiale assoluta, ossia “Incontri” coreografata da Kristian Cellini sulle musiche di Marco Zurzolo. Questo lavoro lo vedremo nella seconda parte, mentre nella prima balleranno: Francesco Annarumma in “For Us” – coreografia Cellini – musiche Vivaldi; Elisabetta Formento e Young Gyu Choi (Dutch National Ballet) “Giselle” – Petipa – Adam; Gabriele Rossi e Francesco Porcelluzzi in un estratto di Empatia – Cellini – Beethoven; Heather Ogden e Guillaume Côté (National Ballet of Canada) “Romeo e Giulietta” – Ratmanskj – Prokofiev; Rebecca Storani (Ballet de Catalunya) e Andras Ronai (National Ballet of Budapest) “Diana e Atteone” – Agrippina Vaganova – Pugni; Olga Golitsa e Stanislav Olshanskyi (Kiev Ballet) “Le Corsaire” – Petipa – Pugni; Luciano Perotto (Ballet de Monterrey) “Lacrymosa” – Stierle – Mozart.

Seconda parte, (detto già di Côté e signora, ndr) in scena: Rebecca Storani e Andras Ronai “Fiamme di Parigi” – Vainonen – Asafyev; Luciano Perotto “Beguile” – Allen – Piazzolla; Olga Golitsa e Stanislav Olshanskyi “Il Lago dei Cigni” (Atto III) – Petipa – Ciajkovskij; Elisabetta Formento e Young Gyu Choi “Don Quixote” – Petipa – Minkus; Roma City Ballet “Bolero” tratto da Empatia – Cellini – Ravel.

«Ringrazio  la Fondazione Peccioli per l’Arte ed il Comune di Peccioli, perché consentono agli spettatori di partecipare gratuitamente a spettacoli di valore e qualità, affinché si possano conoscere tutte quante le discipline dell’arte», sottolinea Cellini. In quel di Peccioli, la settimana della danza si svilupperà tramite workshops di classico, moderno, lirical jazz, hip hop; concorso e chiusura il 7 luglio con la nuova creazione di Kristian Cellini, sempre nell’anfiteatro Fonte Mazzola: in palcoscenico “Empatia”. Un viaggio emozionale. Attraverso la danza, la musica, le immagini, giochi di luci e suoni ripercorre di volta in volta istanti di vita vissuta; fatta di sogni, aspirazioni, rapporti personali e sentimenti. I diversi linguaggi coreografici rappresentano lo strumento base per comunicare e per “sentire dentro”, riconoscendo, comprendendo le emozioni e gli stati d’animo dell’altro, come se fossero propri. C’è l’amore, la casualità del fato, un messaggio positivo di speranza, l’aspettativa ed il risveglio. Il risultato è una composizione coreografica che, tra passi a due, tempi scanditi, ritmi incalzanti, riti propiziatori e sinergie di movimento, ci fa viaggiare tra le stanze dell’anima. Interpretazioni musicalmente molto diverse, però unite da un filo conduttore; il via infatti è affidato ad un passo a due maschile su musica di Beethoven, proseguendo con differenti esibizioni accompagnate dai tamburi giapponesi, per passare ad una ballata di Chopin e finire col Bolero di Ravel. Per gli allievi danzatori di Peccioli in danza, in palio molteplici opportunità. Borse di studio ambitissime, addirittura la possibilità di studiare all’università dell’Arte in Finlandia, ciò in virtù dell’impegno futuro dello stesso Kristian come docente ospite nell’ultima settimana di agosto. Alcune saranno consegnate per accedere immediatamente all’ultimo step d’ingresso per l’accademia del Sistina a Roma, per il Canada, per il Balletto di Roma, per l’Arcobaleno di Milano ed altre ancora; inoltre, durante la manifestazione, presenzierà un autore televisivo e qualora dovesse individuare qualche ragazzo talentuoso, farà scattare la proposta per una trasmissione.

Danza: l’evento da sogno nella Riviera dei Fiori

f 2 IdscQuest’estate tutti a danza dal direttore Venosa e magari, durante il tempo libero, tuffarsi nelle acque cristalline del mar ligure. Ebbene sì, il maestro Ciro ha disposto un trasloco da “sogno” per il quartier generale dell’Idsc (International Dance Summer Course), infatti la prossima edizione consumerà la sua seconda volta a Camporosso, in provincia di Imperia, dal 1 al 7 luglio, presso il centro PalaBigauda. Una settimana interamente improntata sugli aspetti fondamentali della buona danza, in cui verranno premiati i migliori allievi ballerini con borse di studio valide a svolgere importanti workshop in accademie oppure alla partecipazione in concorsi internazionali. Patrocinato dal Comune ospite, l’evento targato Gds Balletto di Genova, proporrà formazione, audizioni e creazioni di performances agli ordini di docenti, ma anche di coreografi italiani e non, che operano in accademie e teatri di tutto il mondo. Tre sezioni di stage ne caratterizzeranno la programmazione, under 14 (11/14 anni), over 14 (15 anni/over) e kids (7/11 anni) studieranno le seguenti discipline: Tecnica Classica – Floorbarre – Modern – Contemporaneo – Hip Hop – Laboratorio Coreografico. Nel territorio della Riviera dei Fiori si terranno, inoltre, due eventi internazionali, ovvero “Paint the Sound Contest Hip Hop” nella giornata di sabato 6 luglio, mentre la domenica successiva andrà in scena la “Rassegna Coreografica Idsc”, rivolta a scuole e centri di formazione. I professionisti incaricati, dal direttore artistico Ciro Venosa, a guidare i giovanissimi allievi in occasione di questa seconda edizione saranno: Alice Valentin, Joseph Tmim, Béla Foldi, Lorella Formica, Camillo Di Pompo, Jodi Goodman, Anna Amelio, Antonella Castagnino, Michela Carbone, Sabrina D’Aguanno, Chiara Borghini, Vincenzo Vitaglione, Livia Di Donato, Noemi Buteri, Mirko Lo Piccolo.

Info gdsdancecompanyitalia@yahoo.itwww.gdsballettodigenova.com – +39 3409759458

Omaggio al soprano: la Callas repertorio di Karma Dance Project

alicedi Marita Miano

Sodalizio fortificato nel nome di Maria Callas. Alice Valentin e Ciro Venosa, espressioni della danza internazionale, partono da “Io sono la voce” con l’obiettivo di sviluppare un progetto designato a divenire produzione di repertorio contemporaneo. I due artisti collaborano da anni, tant’è che la bella piemontese, trapiantata a Parigi, dopo un lungo periodo vissuto a Londra, nelle realtà lavorative del Venosa si consacra sovente figura di spicco: sia come guest star negli eventi, in qualità di prima ballerina, sia come docente nell’ambito di programmazioni pedagogiche connesse al centro di formazione Gds. A costellazione di ciò Alice lo chiama in Francia, nel ruolo di coreografo ospite per la Karma Dance Project, compagnia da lei fondata. «Un rapporto professionale di interscambio del tutto naturale – conferma la donna – è giusto che sia così. Lui è già venuto a dare un workshop ai professionisti della mia compagnia; siamo stati in residenza al centro nazionale di Parigi appunto per offrire un primo assaggio ai ballerini del metodo di lavoro di Ciro. Un’esperienza splendida, ecco perché si è pensato di portare il prossimo anno anche una sua creazione, esclusivamente ideata per noi, in più stiamo lavorando su una progettazione piaciuta moltissimo alla direttrice della struttura residenziale di Parigi, la quale vuole presentarla in prima assoluta a novembre 2019, esattamente il 30». Si riferisce alla trasformazione di “Io sono la voce”, coreografia montata da Ciro Venosa apposta per la Valentin (nella foto), ispiratosi all’indimenticata stella della lirica, Maria Callas, sulle musiche di Puccini; assolo da modificare in una struttura artistica di stile contemporaneo in cui si prevedono due singole esibizioni da parte di entrambi e poi insieme con un passo a due. «Bellissima scoperta coreografica, infatti ha dato il via al desiderio di farla più sostanziosa, di maggiore durata per portarla in giro perfino come repertorio della compagnia», conclude Alice Valentin.